Versace risponde a Mattiani: “Su Melicuccà vuota invettiva, piuttosto prenda posizione sui Ppi e sul raddoppio, anzi triplicazione, dell’inceneritore di Gioia Tauro”

Il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana risponde alle dichiarazioni pubbliche del Consigliere regionale, chiarendo anche le procedure che riguardano l’impianto in località La Zingara che sarà utilizzato esclusivamente come sito di stoccaggio

“Piuttosto che cimentarsi su argomenti che nemmeno conosce, il consigliere regionale Mattiani farebbe meglio a tacere. O se proprio ci tiene a dire la sua su temi che riguardano la comunità della Piana farebbe bene ad assumere una posizione netta sulla chiusura sui Punti di Primo Intervento di Palmi, Scilla e Oppido, che la sua maggioranza regionale ha deciso indebitamente di chiudere. O sulla legge regionale che di fatto ricentralizza la gestione degli impianti rifiuti, sottraendoli al territorio e rigettandoli nel calderone regionale, rilanciando sul raddoppio, anzi sulla triplicazione ad essere più precisi visto che passa da 120 a 350 t/a, dell’inceneritore di Gioia Tauro, unico in tutta la Calabria, che secondo Occhiuto dovrebbe accogliere i rifiuti dell’intera regione, mettendo a rischio la salute di migliaia di persone”. Il sindaco facente funzione della Città Metropolitana risponde alle dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa dal Consigliere Giuseppe Mattiani. “Da quando ha messo piede in Consiglio Regionale – afferma ancora Versace rivolgendosi a Mattiani – da parte sua non si registra alcuna attività istituzionale utile al territorio che lo ha eletto. Anche di fronte alla battaglia comune intrapresa dai sindaci di tutto il territorio dell’area Tirrenica, al di sopra di ogni appartenenza politica, il Consigliere regionale non ha ritenuto di dire nemmeno una parola su temi centrali come quello della sanità, che ha visto l’ennesima spoliazione per il suo territorio, con l’indebita chiusura dei punti di primo intervento, nè sulla triplicazione del termovalorizzatore di Gioia Tauro”. “La vuota invettiva sull’impianto di Melicuccà non ha motivo di esistere – aggiunge Versace – e risulta evidentemente una presa di posizione strumentale e puramente elettoralistica da parte sua. Intanto perchè come abbiamo affermato in più occasioni la Città Metropolitana ha sempre tenuto un atteggiamento assolutamente responsabile sul tema, mettendo sempre la salute dei cittadini al primo posto e chiedendo che venissero espletate tutte le necessarie verifiche da parte degli organismi preposti, che non hanno evidenziato alcun rischio per la popolazione. Ed inoltre perchè, come probabilmente Mattiani non risulta informato, l’impianto aprirà solo ed esclusivamente per accogliere in sicurezza balle di rifiuti pressati e filmati, senza alcun rischio nè per il sito, nè tantomeno per i cittadini che risiedono e chilometri di distanza dall’impianto. Piuttosto che lanciare strali dal sapore elettoralistico, il Consigliere regionale dovrebbe rallegrarsi del fatto che la Città Metropolitana ha responsabilmente attivato tutte le procedure per la bonifica della vecchia discarica, che risultava da anni in uno stato di completo abbandono, attivando procedure di verifica sulla perimetrazione dei rischi che si attendevano da più di un decennio”.

“Verrebbe da dire dunque, da che pulpito viene la predica. Se proprio vuole occuparsi di salute – conclude Versace – Mattiani consigli alla sua maggioranza regionale di invertire la rotta su temi importanti come i Punti di Primo Intervento e sulla triplicazione del termovalorizzatore. Altrimenti continuerà a cercare la pagliuzza negli occhi degli altri, tentando di dissimulare la trave che acceca i propri. E di questo, visti anche i risultati elettorali della scorsa tornata delle amministrative, i cittadini sembrano essersene già accorti”.