TAURIANOVA – Il culto alla Madonna della Montagna,

foto P.BAttista

 Il culto alla Madonna della Montagna, titolo accanto a quello di Maria, è presente nella piana di Gioia e non solo, per una influenza che deriva dal luogo metà di tanti pellegrinaggi di Polsi.
Una devozione antica in diverse zone della Calabria che proviene da una forma di religiosità naturale che nella devozione dei calabresi viene trasferita a simboli cristiani, in questo caso alla Madre di Cristo, Maria, per chiedere protezione e liberazione. Il popolo mariano ha una particolare attenzione verso Maria, una fede popolare che anticamente viveva prevalentemente sulle montagne, popolo di pastori e contro le insidie e i pericoli dei monti, spesso trovava rifugio e in Maria hanno visto la protezione della Vergine. La montagna biblicamente è il luogo delle rivelazioni divine, delle teofanie, in cui Dio si manifesta.
Maria venerata sotto il titolo della Montagna è una devozione a noi cara, in quanto popolo che vive in territorio prevalentemente circondato di montagne. Esse rappresentano non solo la grandezza della natura, ma anche un senso mitico e misterioso, luoghi impervi, di silenzio e di preghiera. Maria della Montagna è una storia di fede, di lacrime e di gioia verso colei che vicina agli umili al popolo di Dio protegge dai pericoli e ci conduce alle altezze di Dio.


8 Settembre  2018 –  Don Leonardo Manuli