TAURIANOVA, dialisi senza medici SALTA UN TURNO DEL SABATO POMERIGGIO I PAZIENTI PROTESTANO E MINACCIANO QUERELE.

TAURIANOVA

Cresce l’allarme fra gli utenti della Dialisi di Taurianova. Nonostante le assicurazioni fornite ai componenti del comitato spontaneo in difesa della Dialisi taurianovese in sede di colloqui con il Vescovo e con il Vicario del Prefetto, la realtà si presenta con toni più foschi. A causa – pare – della assoluta indisponibilità da parte dei medici delle Dialisi di Palmi, Scilla e Locri e a una esigenza inderogabile di licenza di uno dei due medici -eroi che con turni massacranti stanno mandando avanti il reparto, con una nota del 23 maggio scorso è stata anticipata una modifica dei turni e – cosa gravissima – sembrerebbe che servizio pomeridiano del sabato non potrà essere garantito venendo spostato al giorno successivo.
Gli utenti del reparto che – nonostante tutto – continua a restare un vero gioiello nel desolante panorama della sanità calabrese, al punto da essere definito “un fiore fra il fango” dal giornalista Stella sono allarmati e sul piede di guerra.
Resta il dato desolante dell’indifferenza e del silenzio dietro il quale i vertici dell’ASP continuano a nascondersi. Al punto che senza mezzi termini alcuni pazienti – o loro congiunti – dicono: “Adiremo il Prefetto e la Magistratura in sede penale perché persegua le responsabilità omissive chi sta lasciando senza medici un reparto che assicura un servizio salvavita.
Analisti politici, in maniera molto più prosaica e disillusa hanno ritenuto la notizia riferita dai pazienti come la conferma della Morte annunciata da Elio Stellitano nel suo recente libro o quantomeno come un certificato di morte o di vita vegetativa del reparto Dialisi di Taurianova.

Taurianova 25/05/2019 Redazione