Si è concluso a Gioia Tauro con un riscontro più che positivo, il percorso estivo “Summer Camp Metauros 2021”.

Una sfida educativa che si è svolta per conto dell’Amministrazione Comunale della città del porto e che ha visto impegnati, oltre l’ente gestore Metauros società cooperativa sociale, una rete di associazioni del territorio: Gli Angeli di Pollicino, Dancing With The Strars, Diabaimo Vip della Piana, A.S.D. Salvino Cutrì Scuola Calcio, La Bacchetta Magica e Belli e Ribelli .
Protagonisti 50 ragazzi di età compresa tra 3 e 17 anni provenienti da diversi contesti sociali, diverse etnie e diverse abilità.
L’Assessore Maria Carlà da noi contattata in merito a questa importante iniziativa ha dichiarato: ”Abbiamo voluto scommettere sulla valorizzazione del territorio e sulla necessità di ciascun individuo di poter vivere la propria città senza limite alcuno, in un contesto privo di barriere architettoniche.
I ragazzi sono stati protagonisti di percorsi sportivi e laboratoristi mirati sulla conoscenza di sè e delle proprie attitudini, studiati per garantire la possibilità di partecipazione a tutti gli utenti normodotati e non.
Il contesto scelto è stato il nostro litorale, scelta mirata poiché mossa dalla necessità di lavorare su due fronti differenti e cioè la consapevolezza di un bene naturale da valorizzare, attraverso la conoscenza della più antica fonte di lavoro della nostra cittadina ed il beneficio fisico dei partecipanti data dalla presenza dell’acqua, conduttore emozionale naturale di primaria importanza.
Il tutto nel rispetto di tutte le norme di contenimento del virus Sars-Covid19”.
Continuando l’assessore Carlà ha aggiunto: ”I ragazzi sono stati impegnati nel basket, nella danza, nel calcio, nella pallavolo e nei giochi di strada della nostra infanzia. Ciò ha permesso di aumentare nella fascia 8/17 la consapevolezza delle proprie responsabilità all’interno di una società che voglia definirsi civile.
Sono state inoltre affrontate diverse problematiche legate all’attuale situazione mondiale, come per esempio :la tutela della salute attraverso illustrazioni e discussioni mirate sulla pandemia; il rispetto e la tutela degli animali attraverso la valorizzazione del ciclo della vita dei pulcini; la difesa e il rispetto dell’ambiente attraverso i laboratori di riciclo dei materiali e la filiera alimentare con il percorso dal grano alla pizza”.
Infine l’assessore Carlà ha concluso: ”Ringraziamo tutti coloro che insieme a noi tutti hanno creduto fortemente nella necessità di uscire dagli spazi chiusi e ritornare ad animare i territori cittadini, certi che ciò che è stato realizzato lascerà un’ impronta nella futura visione di fruizione delle aree comunali. Ringraziamo tutti i singoli che hanno omaggiato i nostri ragazzi e tutti i privati che ci hanno aiutato nella gestione logistica delle attività, dalla corrente elettrica alla custodia delle attrezzature.
Ringraziamo inoltre le famiglie, che senza esitazione alcuna ci hanno permesso di prenderci cura dei loro figli, generazioni future sul quale abbiamo inteso puntare per un domani diverso, all’insegna del rispetto reciproco, della conoscenza dei propri limiti e delle proprie attitudini e della consapevolezza di una diversità intesa come risorsa comune.
Un ringraziamento particolare alle famiglie dei ragazzi fragili, che hanno avuto fiducia in noi e che come noi credono in un cambiamento culturale che vede i ragazzi al centro della società e non come figure marginali”.
Caterina Sorbara