RENDE. Il Presidente del Consorzio Valle Crati Maximiliano Granata interviene sull’emergenza rifiuti.

L’emergenza rifiuti l’argomento che diventa bollente ogni anno con il caldo dell’estate. In questa stagione si risveglia, infatti, il problema dell’emergenza rifiuti a causa dell’aumento delle presenze nel territorio della provincia cosentina e si ritorna a dover trovare soluzioni in via d’urgenza. A tal proposito in questo periodo molte sono state le polemiche sollevate da alcuni esponenti politici ed a tal proposito ha deciso di intervenire il Presidente del Consorzio Valle Crati Maximiliano Granata che ha dichiarato: “Non comprendo la ragione per la quale si stia parlando di emergenza rifiuti ignorando completamente l’attività che negli ultimi giorni è stata svolta alacremente dal sottoscritto per fronteggiare nell’immediato l’emergenza rifiuti nella provincia di Cosenza. Rendo noto a chi ancora non ne sia informato che la discarica consortile di San Giovanni in Fiore, di proprietà del Consorzio Valle Crati, dallo scorso 14 luglio ha ripreso la sua attività garantendo il conferimento dei rifiuti solidi urbani fino a 120 tonnellate al giorno. in deposito preliminare. Ciò è stato possibile grazie all’Ordinanza del Presidente della provincia di Cosenza n. 1 del 01/07/2022 che, in deroga alla normativa vigente, disponeva agli impianti di smaltimento finale di rifiuti di avviare attività di stoccaggio al fine di assicurare una prima risoluzione dell’emergenza di rifiuti accumulati sulle strade dei territorio della provincia di Cosenza. Appena emessa detta Ordinanza mi sono immediatamente messo al lavoro per agire in osservanza a quanto ordinato dal Presidente della Provincia di Cosenza in stretta collaborazione con il Commissario per l’Autorità Idrica ed i Rifiuti Ing. Bruno Gualtieri e con il Presidente della Regione, i quali ringrazio per la disponibilità prestata 24 ore su 24 e per il tenace lavoro che stanno conducendo nel settore dei rifiuti solidi urbani. Ho, infatti, dato immediatamente mandato alla mia struttura di porre in essere tutti gli atti e le procedure necessari a riattivare i conferimenti su San Giovanni in Fiore e nel giro di circa dodici giorni ci siamo riusciti. Da giovedì mattina già l’impianto di trattamento di Calabra Maceri e Servizi spa ha iniziato ad abbancare sulla discarica di San Giovanni in Fiore le prime ecoballe ed anche oggi che è sabato le attività proseguono alacremente e con assiduità. Voglio, quindi, tranquillizzare tutti i Sindaci della provincia di Cosenza, con particolare riferimento ai Sindaci dei Comuni che fanno parte del Consorzio Valle Crati, che abbiamo offerto una soluzione all’emergenza rifiuti che sta già cominciando a produrre i suoi frutti considerato che sta liberando gli impianti di trattamento dei rifiuti da essi accumulati fino ad ora e che per tutta l’estate continueremo ad abbancare presso la discarica di San Giovanni in Fiore prima per 10.000 mc e poi ancora per 25.000 mc di rifiuti che è l’attuale capienza dell’impianto in attesa di procedere all’ampliamento, le cui procedure tecnico-amministrative sono, ad oggi, già in corso”.
Il Presidente
Consorzio Valle Crati
Avv. Maximiliano Granata