Presso la Casa di cura Romolo Hospital a Rocca di Neto, nei giorni 28 e 29 giugno, visite gratuite e campagne d’informazione promosse dalla Fincopp Calabria Odv

Due giorni dedicati alla prevenzione e cura dell’incontinenza. Due giorni di visite gratuite, di campagne di informazione e sensibilizzazione su patologie che in Italia coinvolgono oltre 5 milioni di persone, ma che vengono ancora affrontate con eccessivo pudore, talvolta compromettendo le possibilità di guarigione e comunque danneggiando qualità della vita e rapporti sociali.
Invece, guarire dall’incontinenza si può; e anche nei casi in cui la completa guarigione non fosse possibile, si può comunque arrivare a convivere con questa patologia in maniera più che dignitosa.

Per contribuire fattivamente a rompere quest’ultimo tabù medico la Fincopp (Federazione italiana incontinenti e disfunzioni del pavimento pelvico) ogni anno promuove la “Giornata nazionale per la prevenzione e cura dell’incontinenza”, istituita con Direttiva del presidente del Consiglio dei ministri, che si svolge il 28 giugno.

Un’iniziativa alla quale aderisce anche la Fincopp Calabria OdV, che dedicherà le giornate del 28 e 29 giugno prossimi a visite gratuite e campagne d’informazione.

Le visite avranno luogo presso la Casa di cura “Romolo hospital” a Rocca di Neto, e possono essere prenotate chiamando al numero 371 4594144 – attivo da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle ore 13 – oppure scrivendo a fincoppcalabria@gmail.com

“Il Romolo hospital – spiega la presidente della Fincopp Calabria OdV, Francesca Lettieri – è unico centro accreditato in Calabria per la prevenzione, la cura e la riabilitazione dell’incontinenza. Medici specialisti effettueranno visite e valuteranno i singoli casi riguardanti questa patologia e le disfunzioni del pavimento pelvico. E poiché le richieste pervenute finora sono molte, abbiamo deciso di organizzare e promuovere altre giornate analoghe nei prossimi mesi. Essendo la Fincopp un’associazione senza scopo di lucro, utilizzeremo per l’organizzazione di altre iniziative di screening tutte le donazioni effettuate per sostenerci. Chi volesse farlo, potrà contattarci per ricevere ogni tipo di informazione in merito”.