POLISTENA- Richiesta immediata rettifica articolo Gazzetta del Sud del 21.02.2018

In allegato richiesta immediata rettifica articolo Gazzetta del Sud del 21.02.2018
Egregio Direttore,
a seguito della pubblicazione in data odierna sul giornale da Lei Diretto di un articolo dal titolo: ”Il Pronto Soccorso scoppia: 300 visite al giorno. E la chiusura dei punti nascita affoga la Divisione di Ostetricia e Ginecologia: 2500 parti nell’ultimo anno”, essendo ravvisabili nello stesso gravissime imprecisioni che falsano il quadro d’insieme della realtà ostetrica del territorio provinciale, con grave lesione dell’immagine delle strutture e della professionalità di chi vi opera, sono a chiedere, ai sensi della vigente normativa sulle pubblicazioni a mezzo stampa, di rendere pubblica e far risaltare con i mezzi e nei modi dovuti la seguente precisazione che questo organismo sindacale intende evidenziare.
L’articolista ha pubblicato dati erronei sull’attività del Punto Nascita del Presidio Ospedaliero di Polistena ed ha del tutto ignorato l’omologa struttura operante presso il Presidio Ospedaliero di Locri.
I nati presso il Punto Nascita dell’Ospedale di Polistena sono stati nell’anno 2017 poco meno di 1300, dunque molti in più di quelli riferiti dall’estensore dell’articolo; presso il Punto Nascita di Locri sono venuti alla luce poco meno di 1000 bambini.
Pur apprezzando i lusinghieri risultati ottenuti dai colleghi reggini, la cui centralità operativa e la dimensione del bacino d’utenza sono tali da consentire un così alto numero di nascite, smentiamo e contestiamo decisamente quanto affermato nell’articolo: “non ci sono altri posti dove si può nascere”.
Non ci interessa polemizzare evidenziando le ragioni sottese a tale sommatoria di errori e di informazioni non corrette ammannite dal Suo articolista , ma abbiamo il dovere di ristabilire la verità in quanto a fronte dei risultati ottenuti dai colleghi reggini con i riferiti circa 2500 parti, le 2 strutture presenti sul territorio provinciale, in inferiorità per numero di posti letto , per numero dei medici, di personale ostetrico e di reparto ( la qual condizione costringe peraltro a turnazioni pesantissime ), hanno assicurato, con circa 2300 parti un numero quasi equivalente di nascite .
Reggio Calabria resta ovviamente la struttura HUB di riferimento per i Punti Nascita allocati nelle strutture SPOKE di Polistena e Locri, ma queste ultime hanno fatto e continuano a fare senza alcun dubbio la loro parte nell’ambito delle prestazioni ostetrico-ginecologiche erogate ed è giusto che vengano correttamente valutate per quella che è la loro esatta funzionalità quali-quantitativa nel contesto delle comuni esigenze di strategie sinergiche volte a ottimizzare l’offerta sanitaria alle popolazioni utenti.
Ribadendo ancora una volta la necessità di interventi volti a risolvere le annose problematiche strutturali, strumentali ed organizzative che purtroppo ancora affliggono le Unità Operative di Ginecologia ed Ostetricia dei Presidi Ospedalieri di Reggio Calabria, di Polistena e Locri, atte a favorire il realizzarsi di condizioni per poter operare ancor meglio, al passo coi tempi, nel rispetto della normativa vigente e mettendo in primo piano la sicurezza e la gestione del rischio clinico, sempre in agguato specie in ambito ostetrico, si auspica un sempre maggiore coordinamento e una sempre più stretta collaborazione tra le 3 realtà ospedaliere.
Il raggiungimento di tali obiettivi, oltre a migliorare il livello dell’assistenza ostetrica in sé, ridurrebbe nel contempo il ricorso ai cosiddetti “viaggi della speranza” ed a quel triste fenomeno dell’“emigrazione sanitaria” che, come purtroppo ancora troppo spesso accade, costringe molti cittadini della Provincia di Reggio Calabria ad enormi sacrifici e sottrae ingenti risorse economiche che potrebbero sicuramente venire meglio utilizzate.
In attesa di un riscontro a brevissimo termine, si resta a disposizione per ogni ulteriore, eventuale, necessario, chiarimento.
Distinti saluti.

Polistena 21.02.2018
Dott. Michele Antonucci
Delegato FESMED. A.S.P. n°5 Reggio Calabria