Polistena Futura
MASSIMA CONSIDERAZIONE
per le donne impegnate in politica

Domenica 5 settembre l’ex vicesindaco Michele Tripodi, durante il comizio di presentazione della sua lista, ha detto testuali parole: “Ho sentito dire che le altre liste non trovavano le donne, la donna veniva cercata la sera, la notte, era oggetto di un mercanteggio sconcio e anche diseducativo. […] Abbiamo deciso di candidare otto donne” continua ancora Tripodi nel suo intervento, “per farle diventare amministratori di Polistena, non perché le abbiamo trovate per strada”
In un momento storico in cui i fatti che a livello mondiale riguardano le Donne richiedono che si mantengano alte l’attenzione e la luce della Speranza, la bella e cortese Polistena si è all’improvviso oscurata e le sue Figlie si sono ritrovate in angoli bui, soggette a «MERCIMONIO SCONCIO E DISEDUCATIVO». Parole pesanti come macigni, che, se ancora non bastasse, vengono introdotte dall’infelice frase “Ho sentito dire”, indice di un’inclinazione al pettegolezzo che poco si addice a chiunque voglia dare di se un’immagine responsabile.
Le donne hanno capacità, desiderio e volere di partecipare alla vita politica, sociale e culturale del proprio paese e non hanno bisogno di essere scelte da chicchessia per bussare alla porta della sede del partito che più le rappresenta e decidere di dedicarsi attivamente agli ideali e alle lotte che questo intraprende. Non c’è mercanteggio o strada o atto diseducativo che le coinvolga.
Che nessuno se ne senta chiamato fuori: il mercimonio è un atto che richiede che qualcuno venda e altri comprino e l’associazione dispregiativa mercimonio-Donne riguarda tutti in un modo che va e deve andare al di là di ogni fede o appartenenza politica.
Basta con questa retorica volta a denigrare e ridicolizzare, che si inizino a utilizzare le parole con la correttezza e la profondità di pensiero che il tema richiede perché se c’è una cosa che la società civile sta imparando sulle spalle delle Donne stesse è che le parole dicono sempre molto più di quanto pronunciato e rivelano pensieri e modi di intendere le cose e le persone molto più di quanto un oratore, che miri al sensazionalismo e all’applauso facile, intenda raccontare.
La normalizzazione della presenza femminile in politica o in qualsiasi ambito di potere fortifica il loro ruolo all’interno della società e si contrappone ad uno dei concetti più retrogradi e scoraggianti che le vuole merce e non esseri umani.
Polistena Futura intende riaccendere la luce della Speranza ed è per questo che le Persone che la compongono si stringono solidali a tutte le Donne in un abbraccio globale e sincero.

Riceviamo e pubblichiamo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


*Riprova