OSSERVATORIO PERMANENTE OSPEDALE SANTA MARIA DEGLI UNGHERESI

Solo chi conosce le origini e la storia dell’Ospedale Santa Maria degli Ungheresi può immaginare quanto la comunità polistenese sia legata a questa struttura. Tanti concittadini, e non solo, hanno nel tempo dato un grande contributo affinché divenisse un punto di riferimento per il territorio provinciale ma anche regionale. La sensazione che più sovrasta gli attenti osservatori è che a fronte di numerose proteste negli ultimi anni la situazione è andata sempre più peggiorando. Responsabilità trasversali e non parlo solo della politica. Penso che il deficit informativo abbia pesato tantissimo negli anni per affrontare con una visione lungimirante e consapevole questa delicata situazione. Lasciare che notizie, alle volte anche tendenziose, circolassero solo attraverso messaggi personali tra qualche medico e qualche amministratore non ha fatto bene ad una giusta programmazione e ad una seria protesta propositiva. Spesso ho avuto l’impressione della sincronizzazione di alcune uscite pubbliche, spesso ho avuto l’impressione che qualche professionista volesse tutelare la sua posizione facendo passare in secondo piano il servizio alla comunità. Non vi è condivisione di informazioni tra gli amministratori che spesso sono chiamati a partecipare a manifestazioni ignorando la reale situazione ed il perché ci si è arrivati. Il primo luglio hanno preso servizio oltre dieci unità infermieristiche nei vari reparti ma quasi tutti lo ignoravano. Bisogna conoscere un problema per poterlo affrontare in modo efficace. La vera pecca di questi anni è che non si è riusciti a fare squadra. Un Osservatorio Permanente che sia centro di condivisione di informazioni per meglio canalizzare la protesta e la proposta sarebbe un’ottima iniziativa per intraprendere un percorso serio e per poter dare risposte a cui una politica responsabile non può sottrarsi. Tra sindaci ed esponenti della minoranza per rappresentare al meglio le comunità del territorio oltre che i responsabili dei reparti per rappresentare al meglio le problematiche interne si potrebbe fare un buon lavoro. La politica serve a questo, perseguire il bene comune attraverso gli sforzi DISINTERESSATI di tutti. Un approccio serio porterà risultati incoraggianti. La nostra gente merita maggiore rispetto e maggiori servizi. L’Ospedale di Polistena non si tocca.
FRANCESCO PISANO
CAPOGRUPPO CONSILIARE “POLISTENA FUTURA” Riceviamo e pubblichiamo