LAVORO, LAVORATORI E CONTRADDIZIONI

Sono anni che ascoltiamo il signor sindaco, dott. Michele Tripodi, affermare che le casse del Comune sono piene disponendo di oltre 5000000 di euro. Cosa dovrebbe fare un sindaco e un’Amministrazione comunale che hanno tra gli argomenti più inflazionati del loro lessico politico il lavoro ed i lavoratori? Cosa dovrebbero fare avendo a disposizione una liquidità così importante (anche se gli atti dei responsabili di ripartizione sono contraddittori rispetto a quanto affermato dagli amministratori).
Dovrebbero innanzitutto pagare gli straordinari dei dipendenti in modo preciso e puntuale senza far intervenire i sindacati a tutela dei lavoratori stessi. Ebbene sì, al Comune di Polistena accade questo nonostante dicano di avere le casse piene!
Dovrebbero innalzare le ore degli ex LSU affinché possano ricevere uno stipendio adeguato ed incentivarli ancora di più a dare il massimo al servizio della comunità polistenese.
Dovrebbero acquistare impianti di condizionamento per gli uffici comunali nei quali prestano servizio i dipendenti in situazioni precarie e soffocanti, in particolar modo nei mesi più caldi. Ebbene sì, al Comune di Polistena gli uffici comunali non hanno l’aria condizionata, pare che UNA SOLA STANZA ne sia munita.
Il lavoro merita rispetto.
Questi tre punti dovrebbero essere una priorità specialmente per chi dice di voler tutelare i lavoratori e poi perché ci sono…….CINQUE MILIONI DI RAGIONI PER FARLO (almeno così dicono)!
Attendiamo fiduciosi.

FRANCESCO PISANO
CAPOGRUPPO CONSILIARE “POLISTENA FUTURA”

Riceviamo e pubblichiamo