Un migrante proveniente dal Gambia è morto in un incendio sviluppatosi nella tendopoli di San Ferdinando, nella piana di Gioia Tauro, dove vivono centinaia di extracomunitari. Secondo quanto si è appreso, il rogo, che ha distrutto due baracche, si sarebbe sviluppato in seguito ad un fuoco acceso in una delle baracche da qualcuno tra i migranti per riscaldarsi dal freddo della notte. La vittima, di cui non è stata ancora resa nota l’identità, è morta carbonizzata. Probabilmente, secondo i soccorritori, l’uomo stava dormendo in una delle due baracche distrutte dal fuoco e non si è accorto delle fiamme che divampavano.

Il rogo è stato spento dai vigili del fuoco che stazionano nella zona e dagli stessi migranti. Sul posto sono intervenuti carabinieri, polizia e guardia di finanza. Il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica si è riunito d’urgenza dopo il decesso del diciottenne Suruwa Jaiteh, la cui salma sarà rimpatriata. Il prefetto: «La baraccopoli va smantellata al più presto»

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.