Individuati e denunciati i due soggetti che hanno aggredito la pattuglia della Polizia Locale reggina lo scorso 14 giugno

La solidarietà e la piena vicinanza del Sindaco facente funzioni Paolo Brunetti e dell’Assessora alla Polizia Locale e alla Sicurezza Giuggi Palmenta

A seguito di apposita attività info investigativa la Polizia Locale di Reggio Calabria ha individuato e deferito all’autorità giudiziaria i due uomini che lo scorso 14 giugno hanno aggredito e minacciato una pattuglia in servizio in un quartiere della zona nord della città.

“Grazie ad alcune videocamere di sorveglianza immediatamente visionate – ha informato in una nota la Polizia Locale reggina – ed in seguito ad ulteriori accertamenti delle banche dati in uso, si è riusciti nel giro di pochi giorni a dare un nome e un volto ai soggetti interessati ai fatti delittuosi. Uno di essi risulta gravato da numerosi procedimenti penali e di polizia anche della stessa indole. Le ipotesi di reità dovranno essere ovviamente vagliate dalla competente autorità giudiziaria atteso il principio costituzionale di presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva di reità”.

Il sindaco facente funzioni del Comune di Reggio Calabria Paolo Brunetti e l’Assessora alla Polizia Locale e alla Sicurezza Giuggi Palmenta hanno espresso nuovamente solidarietà e piena vicinanza dell’Amministrazione comunale nei confronti degli agenti aggrediti. “Ciò che è accaduto – hanno dichiarato i due rappresentanti del Comune – è certamente molto grave e purtroppo non è la prima volta che accadono episodi di questo tipo. Nostro compito da istituzioni serie e responsabili è non solo quello di esprimere la doverosa solidarietà dell’Amministrazione nei confronti degli operatori di Polizia Locale che lavorano quotidianamente al servizio della cittadinanza e per la sicurezza di tutti noi, ma anche stigmatizzare con forza tutti quei comportamenti che si verificano da parte di singoli soggetti che, evidentemente allergici al rispetto delle regole e della civile convivenza, esprimono disprezzo ed infangano l’onore del Corpo della nostra Polizia Locale e con esso l’intera Città”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


*Riprova