Il Questore della Provincia di Reggio Calabria emette tre provvedimenti di d.a.spo.

Continua l’opera della Polizia di Stato finalizzata a prevenire e a reprimere le condotte vio-lente e di turbamento dell’ordine e della sicurezza pubblica commesse nei luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive.
Dopo i disordini verificatisi in occasione dell’incontro di calcio tra la squadra della “Poli-sportiva Bovese Onlus” e quella della “Campesesanroberto”, disputato il 30.10.22 allo stadio “P. Borrello” di Brancaleone (RC), valevole per il Campionato di Prima Categoria – Girone D, il Que-store della provincia di Reggio Calabria ha emesso tre provvedimenti di d.a.spo. nei confronti di due giocatori della “Polisportiva Bovese Onlus” e di un calciatore della “Campesesanroberto”, tutti re-sisi responsabili di una violenta rissa in campo che ha costretto il direttore di gara alla sospensione dell’incontro e alle Forze dell’Ordine ad intervenire a tutela dell’incolumità dei presenti.
Nei confronti dei giocatori della “Polisportiva Bovese Onlus” sono stati emessi 2 provvedi-menti di d.a.spo., rispettivamente della durata di 10 anni ed 1 anno.
Tre anni di d.a.spo. sono stati inflitti, infine, al giocatore della “Campesesanroberto” per aver preso parte attiva alla rissa.
Nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio, da vivere come passio-ne, divertimento e partecipazione e di educare tutti al rispetto dei valori del vivere civile, il Questore della Provincia di Reggio Calabria ribadisce, con l’adozione dei citati d.a.spo., la ferma volontà di bandire, da tutte le manifestazioni sportive, ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza, prevenendo e reprimendo con fermezza ogni situazione di turbativa al mantenimento dell’ordine pubblico.