Il COVID UCCIDE ANCORA MORTO ADRIANO RASO Il creatore del Castello degli Dei si e’spento al GOM di Reggio Calabria

La morte di Adriano Raso al GOM di Reggio Calabria nella terapia intensiva per i malati di COVID ha suscitato oltre al dolore, veramente un moto di rabbia contro un nemico invisibile che colpisce e non lascia scampo. Non bisogna mai sottovalutare la prevenzione . Oggi prevenzione, piaccia o meno, e’ solo sinonimo di vaccinazione. Tutte le dissertazioni dei NO VAX lasciano il tempo che trovano davanti alle troppe morti di soggetti che avevano rifiutato l’antidoto. Non sappiamo se Adriano Raso fosse un no vax – o preso da troppi carichi di lavoro- avesse trascurato la vaccinazione o se invece il vaccino lo avesse assunto. L’unica tragica certezza e’ il suo trapasso. Grandissimo lavoratore nel settore della ristorazione e della banchettistica aveva creato a San Giorgio il ristorante ” Il Castello degli Dei” : una struttura divenuta fra le più gettonate della regione e, piu’recentemente aveva ottenuto di rilevare la gestione del famoso Uliveto Principessa che dopo anni di sofferenza gestionale era tornato ai fasti del suo periodo d’oro e aveva creato numerosi posti di lavoro in una terra dove il lavoro da sempre e’ un miraggio. Una parabola di vita breve, quella di Adriano Raso. Ma intensa e ricca di esempi e del valore del lavoro e della professionalita’ posta al di sopra di ogni cosa .Un vuoto, quello che lascia, non facilmente colmabile con, al contempo, l’insegnamento a credere fortemente nel proprio lavoro e nel voler rendere realizzabili i progetti nei quali si crede fortemente. Un’eredità di sacrifici, di esempi e di valori che speriamo non vada dispersa. Ai familiari tutti il cordoglio e la vicinanza di TaurianovaTV