Il Consiglio Regionale della Calabria ha approvato la proposta di legge di istituzione della riserva naurale regionale sulla foce del fiume Mesima- una giornata storica per la natura in Calabria.

Da oggi in poi il 12 dicembre 2022 sarà una data storica per la natura in Calabria. A distanza di quasi vent’anni dall`` approvazione della legge regionale sulle aree protette ( l.r. n.10/2003) e a distanza di sette anni dalla legge istitutiva della riserva naturale regionale delle Valli Cupe ( la seconda in Calabria dopo quella della foce del Fiume Crati, istituita nel 1990), il Consiglio Regionale della Calabria all’ unanimità ha approvato la proposta di legge di istituzione della riserva naturale regionale della foce del Fiume Mesima. La proposta è stata presentata dall’ on.le Ferdinando Laghi, che l’ha anche illustrata in Consiglio regionale, e reca la firma di altri consiglieri regionali di opposti schieramenti, Pietro Raso, Antonio Lo Schiavo e Giovanni Arruzzolo.
Tutto è nato dalla passione per questultimo tratto del fiume Mesima di una giovane attivista WWF nicoterese, Jasmine De Marco, la quale, nel corso delle sue frequenti osservazioni condotte in questo sito di straordinaria bellezza ( lasciato troppo spesso all’incuria e al degrado), ha annotato la costante presenza di molte specie di avifauna ( si tratta in gran parte di specie migratorie) e di flora protette, considerate di particolare importanza dalle direttive europee ( Habitat e Uccelli), che costituiscono i pilastri della legislazione unionale in materia di conservazione della biodiversità. Le spettacolari immagini dellestuario, la bellezza del paesaggio e la peculiarità delle specie ivi rinvenute nonché i ripetuti sopralluoghi hanno accresciuto nel tempo lìnteresse dei membri dell``associazione Vibonese del WWF ai quali la giovane attivista si era nel frattempo rivolta, verso il prezioso `` ecosistema fluviale della foce del Mesima, la sua forma mutevole, i colori cangianti dei suoi tramonti, il pregevole habitat dunale circostante. Valeva la pena fare qualcosa per preservare questo luogo dell``anima e liberarlo dal degrado, consegnandolo nella sua riscoperta bellezza naturale e paesaggistica alla Calabria e alle future generazioni L’ intuizione fu quella di redigere una proposta di legge per l’’istituzione di un`` areanaturale protetta ossia di una riserva naturale regionale e presentarla in Consiglio Regionale mediante lallora consigliere Marcello Anastasi, il primo a sposare la causa e a rendersi disponibile a sostenere e portare avanti il progetto dell’’ associazione ambientalista. Purtroppo la precoce dipartita della presidente Santelli, non consentì neppure d’ iniziare l iter che la proposta di legge avrebbe dovuto compiere per raggiungere il sospirato risultato della sua approvazione. Con l elezione del nuovo consiglio regionale, il Delegato del WWF Italia per la Calabria, lavv. Angelo Calzone, ha pensato bene, però, di insistere nel progetto, investendo dellaquestione un sincero ambientalista compagno di tante battaglie in difesa della natura, il dott. Ferdinando Laghi, eletto nel frattempo consigliere regionale della Calabria, il quale non esitò ad accettare “ l-incarico”” e a coinvolgere il suo staff. La squadra dell’on.le Laghi, può contare sulla presenza di una giurista molto esperta dal punto di vista della redazione dei testi normativi, la dott.ssa Miriam D’’ Ottavio, che, unitamente ad altri Componenti dello staff del Consigliere Laghi e al Consigliere stesso, ha migliorato e allineato alla normativa regionale e nazionale larticolato già redatto, curando efficacemente anche la parte economica e finanziaria del progetto di legge. Dopo il passaggio in commissione ambiente ( dove è stato audito anche il Delegato regionale del WWF Italia) e bilancio, dove la proposta di legge estata positivamente valutata da tutte le forze politiche (che hanno ben compreso che la tutela della natura e della biodiversita calabrese è patrimonio comune di tutti i cittadini calabresi), grazie anche al sostegno dello stesso dipartimento ambiente della regione, rappresentato dal dott. Giovanni Aramini( dirigente del settore parchi e aree protette), il 12 dicembre u.s. la proposta di legge è stata presentata e discussa in Aula ed e’ diventata finalmente legge.
Un grande risultato per il WWF , per lon.le Laghi, per i consiglieri firmatari e per l-intero consiglio regionale della Calabria. Un importante traguardo per la Calabria intera e per i cittadini e i comuni interessati dalla riserva . È necessario, infatti, mettere in luce, come gli obiettivi che si intendono perseguire con l’istituzione della riserva hanno una portata che va al di là dell’esigenze di tipo meramente conservazionistico. Non si tratta sola di tutelare e conservare un habitat e le diverse specie animali e vegetali che ivi albergano (in modo stanziale o durante la migrazione) e che spesso rientrano proprio tra quelle maggiormente tutelate dalla normativa europea e nazionale, ma si tratta di contribuire attraverso la salvaguardia e la tutela dell’ambiente fluviale, al recupero urbanistico, sociale, culturale e paesaggistico dell’intera area, compresa tra i comuni di Nicotera e San Ferdinando – Rosarno. Area che sconta grossi problemi legati alla pervasiva presenza della criminalità organizzata, alla disoccupazione, allo sfruttamento della manodopera immigrata, all’abusivismo edilizio, all’inquinamento dei terreni e dei corsi d’acqua. Il mare stesso di Nicotera e San Ferdinando godrà infatti dell’istituzione della riserva, in primo luogo, proprio per effetto della diminuzione degli scarichi inquinanti nel fiume Mesima, legati ad una serie di limiti e divieti molto più stringenti, ai maggiori controlli e alleffetto che avrà sull adeguamento degli impianti di depurazione degli scarichi urbani nell’entroterra, reso ancor più cogente dai livelli di tutela
assicurati dall’ istituzione dell’area protetta.
Riqualificare l’intera area intorno alla foce del fiume significherà, altresì, renderla accessibile al pubblico e a quei turisti che pian piano nel corso degli anni hanno abbandonato le strutture ricettive della zona, per il continuo degradarsi dell’ambiente circostante. Arricchirà l’offerta da un punto di vista qualitativo per la
grande valenza naturalistica e per tutta quella serie di opere che verranno realizzate per consentire al pubblico una fruizione sostenibile dell’area (pensiamo alle piste ciclabili, alle aree di ristoro, alla pulizia degli argini e delle strade di accesso, ecc.). Con evidenti ripercussioni sulla ripresa dell’attività turistica alberghiera, che negli ultimi anni ha assistito ad un lento e inesorabile declino, sulla piccola pesca ancora presente nella zona e che rischia di scomparire e sull’aumento della qualità delle acque
destinate alla balneazione.
Un miglioramento complessivo dello stato dei luoghi (spiaggia, mare, servizi eco sistemici) che consentirebbe a Nicotera e San Ferdinando di ottenere il tanto ambito riconoscimento della Bandiera Blu. Non più mini discariche, scarichi fognari incontrollati, bracconaggio, pesca di frodo, abusivismo edilizio, `ndrangheta ma bellezza, natura e riscatto sociale ed economico del territorio e dei suoi abitanti. La salvaguardia della natura diventa mezzo di rinascita democratica e di emancipazione dal dominio mafioso, speranza e orizzonte di progresso civile e materiale.
Realizzare un mondo solo umano è folle, perché- come dice Gianfranco Bologna- noi siamo natura e dipendiamo da essa.