Da oltre dieci anni l’edilizia non stava così bene.

Non solo c’è lavoro ma, paradossalmente, la richiesta di manodopera è tale che
non si riescono a trovare maestranze da assumere. Basta guardare i dati certificati
delle Casse Edili Calabresi, con un aumento vertiginoso di addetti e massa salari.
Tuttavia la sicurezza dei lavoratori continua ad essere sottovalutata.
Il settore delle costruzioni, anche in Calabria, è ripartito a grandi ritmi, dopo anni
di crisi, e con l’aumento del lavoro anche gli infortuni si stanno moltiplicando.
Ma la qualità, la buona occupazione e la sicurezza devono andare di pari passo
alla crescita del settore.
È necessario che da subito si interrompa il trend che vede, ogni volta che si
registra una forte ripresa dei volumi di lavoro, il conseguente e drammatico
aumento di infortuni spesso mortali. Questo è il momento giusto per adoperarsi
perché si è in grado di prevedere l’andamento della crescita del settore, anche
grazie alle risorse che arriveranno dal Pnrr.
Dobbiamo prevenire la tragedia di nuovi infortuni !!!!!
In questi anni sono stati fatti passi avanti, soprattutto negli ultimi mesi,
per esempio, il decreto fiscale che ha introdotto norme per la sicurezza sui luoghi
di lavoro e stabilito sanzioni per le imprese che utilizzano i lavoratori in nero
abbassando la quota di tolleranza dal 20% al 10 % che porta alla sospensione
dell’attività. Sarà, inoltre, incrementato il numero degli ispettori del lavoro e una
parte di essi si occuperà esclusivamente del nostro settore; dal primo novembre
è in vigore il Documento unico di regolarità contributiva di Congruità, la
certificazione con cui l’azienda dichiara il numero minimo (cioè congruo) di
lavoratori impiegati, sempre nell’ambito della lotta al lavoro nero o grigio.
Ci sono poi le novità introdotte dal decreto-legge Semplificazioni che prevede
che il subappaltatore debba garantire medesime prestazioni e stessi standard
qualitativi previsti nel contratto di appalto e riconoscere ai lavoratori un
trattamento economico e normativo non inferiore a quello che avrebbe percepito

CALABRIA
con il contraente generale, compresa l’applicazione dei contratti collettivi
nazionali di lavoro.
Così come in Calabria abbiamo sottoscritto dopo mesi di incontri e trattative il
rinnovo del CCPL nelle province di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia dando
un significativo impulso a sostegno delle imprese regolari, al contrasto delle
irregolarità al dumping, ma soprattutto alla tutela e al salario dei lavoratori edili
delle nostre provincie.
Tutto questo però non basta.
Le morti bianche sono ancora troppe !!!!
Ed è per tali ragioni che, come settore delle costruzioni, ribadiamo con forza al
nuovo governatore della Calabria, al quale va il nostro augurio di buon lavoro, la
richiesta per una solerte convocazione, oltre a quelle già concordate nei giorni
scorsi con i segretari regionali di CGIL, CISL e UIL, del Comitato della
Sicurezza, già istituito in Calabria ma che, purtroppo, non si convoca né riunisce
da troppo tempo.
Catanzaro 20 novembre 2021 Il Seg. Gen. Fillea Calabria
Simone Celebre