Angela Martino: “Casa delle Donne obiettivo qualificante per il territorio.

L’Assessora alle Politiche di Genere del Comune di Reggio Calabria illustra il percorso che segue l’avvio dei lavori della struttura di accoglienza in via di realizzazione nella zona sud della città

“Un ulteriore impegno rispettato, una buona notizia per la città, una novità simbolica e sostanziale che segna un nuovo obiettivo di civiltà che sta per realizzarsi”. Commenta così l’Assessora con delega alle Politiche di Genere Angela Martino il recente avvio dei lavori per la realizzazione della Casa delle Donne, il centro per l’accoglienza delle donne vittime di abusi e violenza, nella zona sud di Reggio Calabria.

“Lo riteniamo uno degli obiettivi qualificanti della nostra azione politico-amministrativa sul territorio. In accordo alle linee di mandato del sindaco Falcomatà il nostro intento è quello di utilizzare al meglio le risorse extracomunali per aumentare quantità e qualità di servizi per il sostegno delle fragilità. Ed in questo quadro si inserisce anche l’indirizzo strategico voluto dalla giunta, oggi guidata dal facente funzioni Paolo Brunetti, che vede nella realizzazione della Casa delle Donne un importante risultato da mettere a disposizione della comunità reggina”.

“Naturalmente la realizzazione della struttura non sarà un obiettivo fine a se stesso – ha spiegato ancora Martino – personalmente intendo precedere l’ultimazione dei lavori, per i quali ringrazio tutto il team di Agenda Urbana con il delegato Carmelo Romeo ed il Rup Michele Tigani, da un percorso partecipativo con le tante associazioni che sul nostro territorio si occupano del sostegno alle donne vittime di violenza. Credo sia un tema qualificante, quello di condividere questi obiettivi con chi, più di ogni altro, conosce le difficoltà cui vanno incontro queste persone, nel momento in cui si trovano ad affrontare il difficile percorso della denuncia e dell’allontanamento dal partner. Siamo soddisfatti che l’iter stia procedendo in maniera spedita e vogliamo fare in modo di arrivare pronti all’apertura della struttura, individuando tramite avviso pubblico un partner del terzo settore che possa farla funzionare secondo le aspettative degli utenti che costituiscono una priorità assoluta per il nostro Ente”.