AMPA : “Giornata nazionale di mobilitazione per l’unità della Repubblicacontro l’Autonomia differenziata” programmata per mercoledì 21 dicembre

“Il Tavolo Nazionale NO-Autonomia differenziata, per l’unità della Repubblica e l’uguaglianza dei diritti”
segnala la pericolosità della “novità particolarmente grave contenuta nell’articolo 143 della Legge di
Bilancio, che prevede di definire entro sei mesi i Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP), passando
attraverso una Cabina di regia, ai fini della completa attuazione dell’articolo 116, terzo comma, della
Costituzione. L’articolo in questione prevede tra l’altro che, qualora la Cabina di regia non arrivi a
determinare i LEP entro i termini stabiliti, venga nominato entro trenta giorni un Commissario per
concludere il percorso”.
Si tratta, come è facile dedurre, della palese intenzione del Governo e del ministro Calderoli di procedere,
ignorando tutte le obiezioni di cittadini, intellettuali e costituzionalisti, lungo il percorso di un intollerabile
attacco ad uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione, sancito dall’art. 5 che stabilisce che
“l’Italia sia una e indivisibile…”. Se il programma e le intenzioni del Governo trovassero attuazione, la
conseguenza sarebbe che le attuali intollerabili diseguaglianze tra cittadini e Regioni aumenterebbero a
dismisura. Con l’autonomia differenziata molte funzioni amministrative e legislative potranno essere
devolute alle Regioni che ne faranno richiesta.
Le materie inerenti la scuola e l’università, il territorio, la produzione e distribuzione dell’energia,
l’ambiente, i beni culturali e, finanche, l’organizzazione della giustizia di pace saranno devolute alle
competenze regionali. Le regioni più svantaggiate del nostro Paese, in particolare la Calabria ed il
Mezzogiorno, già fiaccate dalla grave situazione economica, subiranno sulla loro pelle gli effetti devastanti
di questa camuffata “secessione”.
L’Associazione venticinqueaprile aderisce alla giornata di mobilitazione nazionale contro l’Autonomia
differenziata programmata a Roma in Piazza della Rotonda, di fronte al Pantheon, condividendo pienamente
l’iniziativa del Coordinamento di Democrazia Costituzionale che ha presentato una proposta di legge
Costituzionale di iniziativa popolare per la modifica del comma 3 dell’art. 116 e dei commi 1, 2 e 3 della
Costituzione, per dire NO all’AUTONOMIA CHE DIVIDE.
L’Associazione venticinqueaprile organizza, per le ore 17.00 di giovedì 22 dicembre, pressa la Sala
Conferenze del Dopolavoro Ferroviario di Reggio Calabria, un’iniziativa pubblica di confronto e discussione,
invitando organizzazioni e cittadini interessati, al fine di costituire un “Comitato reggino di Democrazia
Costituzionale” per sostenere le iniziative per l’unità della Repubblica e l’uguaglianza dei diritti di tutti i
cittadini italiani.