TAURIANOVA – Il Comune di Taurianova fu formato nel 1928

Ieri pomeriggio a Taurianova, nella sede dell’Auser Madre Teresa di Calcutta il prof. Giuseppe Riso ha tenuto una conversazione sulla storia di Taurianova.
Dopo i saluti della dott.ssa Rosa Romeo presidente della sezione taurianovese dell’Auser, che si è soffermata sull’importanza dell’iniziativa; il prof. Riso ha introdotto l’argomento con la lettura di una poesia del grande poeta Emilio Argiroffi dal titolo :”Elegia Taurianovese”.
Dalla conversazione è emerso che il Comune di Taurianova fu formato nel 1928 con la riunione amministrativa degli abitanti di Radicena, Iatrinoli e Terranova Sappo Minulio.
Secondo la tradizione tali centri sarebbero stati fondati dai profughi dell’antica città di Tauriano, sulla costa, distrutta dai Saraceni nel 950.
Per questo al nuovo Comune fu dato il nome di Taurianova.
La cittadina era centro importante fin dal tempo dei Normanni, con ottime fortificazioni, ed era abbellita da chiese e conventi.
Le vicende feudali, che le fecero più volte cambiare signoria, la portarono a un lento stato di decadenza, finchè il terremoto del 1783 la distrusse completamente, facendo numerose vittime.
Il prof. Riso ha anche sottolineato che nell’ottocento a Iatrinoli c’erano cinque medici.
A seguire l’avv. Luigi Mamome, Assessore alla Cultura del Comune di Taurianova, dopo aver lodato l’iniziativa che assume la forma di un salotto letterario; si è soffermato sulla storia della frazione San Martino, perché una pagina di storia medievale calabrese, passa proprio attraverso il castello di San Martino.
Fino a 40 anni fa c’erano ancora dei resti.
Nel castello di san martino spesso si sono riuniti sovrani e papi.
L’avv. Mamone ha sottolineato che è importante non perdere le radici, per questo Emilio Argiroffi si faceva raccontare le antiche storie dai vecchietti di Iatrinoli.
Il prossimo incontro con il prof. Riso si terrà a fine giugno.
11 Giugno 2019 Caterina Sorbara