Inaugurata a Gioia Tauro una collettiva calabrese di pittura e scultura dal titolo: “ Colori e forme alle Cisterne… Bagliori d’arte aspettando il Natale”.

E’ stata inaugurata qualche giorno fa a Gioia Tauro alle Cisterne una collettiva calabrese di pittura e scultura dal titolo:
“ Colori e forme alle Cisterne… Bagliori d’arte aspettando il Natale”.
L’esposizione, è stata fortemente voluta e organizzata dall’Associazione Pensionati Gioia Tauro, presieduta Natale Zucco, con la direzione artistica del poliedrico Totò Castellano e con il patrocinio del Comune.
Ben 37 gli artisti presenti con le loro opere: Cosimo Allera, Leonardo Arone, Fabrizio Atteritano, Anna Badolati, Maria Teresa Borgese, Adriana Brando, Adele Canale, Antonia Coniglio, Antonello D’Angeli, Pasquale D’Angeli, Francesco Del Grande, Maria Frisina, Giusy Gaglianò, Francesco Gagliostro, Nuccio Gambacorta, Giuseppe Iaria, Paolo Lanza, Caterina Mauro, Ambra Migliorazzi, Rosalba Monterosso, Tina Nicolò, Angelo Massimo Nostro, Antonino Nucifora, Domenico Papalia, Graziella Papalia, Francesca Perina, Carmelo Raco, Nino Romano, Laura Rutigliano, Giorgio Schepis, Pino Sciarrone, Enzo Simonetta, Carmelo Zoccali e Rocco Zucco.
La mostra, inoltre, ospita i lavori degli alunni dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Nicola Pizi” di Palmi.
La serata inaugurale ha registrato la presenza, oltre degli organizzatori, del sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio e del vescovo della Diocesi Oppido Mamertina-Palmi Mons. Francesco Milito.
Nei giorni scorsi gli artisti che espongono le loro opere, si sono raccontati davanti ad un numeroso pubblico presente, tra cui autorità civili e militari; l’architetto Crarmelo Raco ha poi raccontato Michelangelo; mentre l’architetto Angelo Massimo Nostro ha relazionato su “Differenze stilistiche nei movimenti artistici dall’800 ai giorni nostri”.
Sono previste altre autorevoli presenze tra cui Xante Battaglia, Maurizio Carnevale, il critico d’arte Marcello Anastasi, una serata dedicata ai miti con Sergio Raso e tanto altro.
La mostra potrà essere visitata fino al 17 dicembre dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 19,30.
Il direttore artistico dell’evento Totò Castellano ha sottolineato che
l’ evento ha tre obiettivi: dare luce alle risorse artistiche calabrese, in particolare quelle della Città Metropolitana di Reggio Calabria; coinvolgere i ragazzi delle scuole che hanno una vocazione artistica, incoraggiandoli a voler affermarsi nel campo dell’arte e infine far diventare la città del porto Polo Artistico di pittori e scultori.
Caterina Sorbara