Comunicato Stampa Senatore Auddino

“Apprendo con piacere della stabilizzazione dei precari Lsu/Lpu attuata da molte amministrazioni comunali grazie all’emendamento che abbiamo presentato lo scorso anno alla Legge di Bilancio. Così i comuni di Cinquefrondi, San Giorgio Morgeto, Caraffa del Bianco, Taurianova hanno potuto finalmente stabilizzare i lavoratori ex Lsu/Lpu che da anni prestano la loro opera presso l’amministrazione. Con la norma contenuta nella manovra finanziaria dello scorso anno abbiamo infatti previsto, per la prima volta, la possibilità per le amministrazioni pubbliche di stipulare con i lavoratori appartenenti a tale categoria contratti a tempo indeterminato, ovviamente dopo aver espletato le procedure selettive e concorsuali indicate nella stessa norma” afferma il Senatore del MoVimento 5 Stelle, Giuseppe Auddino, membro della Commissione Permanente Lavoro del Senato.
“L’emendamento alla scorsa Legge di Bilancio – continua il Senatore – è stato frutto di un lungo lavoro svolto insieme al collega Tucci alla Camera, durato più di un anno, e costituito da un continuo confronto con i Ministeri del Lavoro e della Funzione Pubblica. Ad agosto 2018, il Ministero del Lavoro ha emanato un decreto direttoriale per la stabilizzazione dei lavoratori Lsu stanziando a favore degli enti locali un incentivo di oltre 9 mila euro per lavoratore per la durata di 4 anni (86 milioni solo per la Calabria), a condizione che il lavoratore venga assunto dall’ente a tempo indeterminato. È innegabile che l’incentivo economico di cui possono usufruire i comuni che assumono costituisce una valida spinta verso le stabilizzazioni, oltre alla lotta al precariato che dovrebbe essere tra le priorità di ogni amministrazione pubblica.
Sono certamente orgoglioso di questo risultato, anche se non ancora pianamente soddisfatto, perché mancano all’appello tanti padri e madri di famiglia da stabilizzare. Pertanto, auspico che molti altri comuni si adoperino per attivare le procedure per l’assunzione e dare dignità a questi lavoratori” conclude Auddino.

Giuseppe Auddino
Portavoce del M5S al Senato Riceviamo e pubblichiamo