Applausi a scena aperta e aperti consensi di critica per la ” Lectura Dantis “

Applausi a scena aperta e aperti consensi di critica per la ” Lectura Dantis ” portata in scena a Monasterace Marina dalla Pro Loco la Coppa Vitrea di Varapodio, con una lettura esegetica dei motivi della poetica dantesca legati alla commedia, il poema dantesco che solo successivamente, grazie a Giovanni Boccaccio, nel XV secolo diverrà “Divina Commedia” Lo spettacolo magistralmente curato in ogni particolare ha visto una alternanza di musiche e brani di una musica colta, cantati dal tenore Giuseppe Arena con l’accompagnamento di Tatiana Belekanic . Il clou dello spettacolo è stato rappresentato dalle 2 esegesi curate da Mara Ferraro e dalla lettura del Canto primo e del Canto Quinto eseguite da Luigi Mamone. Il corpo di ballo con Roberta Ficarra,Fabiana Pace e Bruno Franco e ha svolto un’² importante funzione trait d’union fra le varie parti dello spettacolo mettendo in scena alcune coreografie legate ai temi del primo e del quinto canto dell’Inferno. Il pubblico numerosissimo in una notte d’agosto dolce, chiara e senza vento, e illuminata da una fantastica luna rossa ha seguito con attenzione l’intero spettacolo interrompendo ogni esecuzione con ripetuti applausi.Il sindaco di Monasterace, Cesare De Leo ha ringraziato La compagnia della Coppa Vitrea per la qualità dello spettacolo e ha auspicato che possano essere effettuate nuove operazioni di importanza culturale quali quella della Lectura Dantis Ringraziamenti sono stati porti al Presidente del Consiglio Comunale Andrea Marino e al consigliere comunale Daniele Princi che ha contribuito in prima persona alla splendida realizzazione della scenografia caratterizzata da una serie di colonne doriche con elementi luminosi posti lungo la scalinata di piazza Porto Salvo ad accentuare nella penombra la suggestione delle atmosfere infernali e la magia dei versi immortali di Dante. Lo spettacolo tornerà in scena sempre grazie alla Citta’ Metropolitana di Reggio Calabria, venerdì prossimo, 14 Agosto, a Palmi davanti al mausoleo dedicato a Francesco Cilea : una location bellissima e suggestiva che contribuirà ancor di più a proporre l’importanza dei versi danteschi e della cultura della produzione nobile della letteratura italiana